Seleziona una pagina

Visto che la pseudonimizzazione viene ripetutamente citata nel GDPR (cfr ad esempio gli art. 25 e 32) come uno degli strumenti fondamentale per proteggere i dati personali, riteniamo utile segnalare questo lavoro dell’ENISA che  partendo dall’individuazione degli attori coinvolti e dei loro possibili ruoli, passando ad analizzare i diversi modelli e le diverse tecniche di attacco adottate contro la pseudonimizzazione e a presentare le principali tecniche di pseudonimizzazione, arriva alla conclusione che non esista una soluzione semplice e univoca per la pseudonimizzazione, valida per tutti gli approcci e in tutti gli scenari possibili.

Share This